In Consiglio una mozione a sostegno di Salviamo La Rocca

Al punto 5 dell’ordine del giorno nel consiglio comunale di San Giuliano Terme convocato per oggi:

Mozione presentata dal Consigliere comunale Francesco Cordoni ad oggetto SEL sostiene l’associazione salviamo la Rocca di Ripafratta;

La mozione era stata presentata diversi mesi fa, ma è stata rimandata a lungo per il grande numero di altre mozioni e interrogazioni presentate.

La Rocca di Ripafratta torna così a far parlare di sé in Consiglio Comunale, luogo principe della democrazia locale, dopo alcune interrogazioni da parte di consiglieri negli anni passati e soprattutto dopo l’approvazione del Protocollo fra Comune e Fondazione Caripisa del 2008.

image

Quell’atto, da cui doveva scaturire una nuova vita per il nostro monumento e per tutto il territorio, fu vanificato dall’inadempienza del Comune, dovuta al mancato accordo con i privati interessati. Fu comunque un momento molto importante per la nostra causa: per la prima volta, il Consiglio all’unanimità si espresse a favore del recupero della Rocca. Molte cose sono cambiate da allora. L’associazione “Salviamo la Rocca” ancora non esisteva e a seguire il caso era il “Comitato per Ripafratta”, che tutt’oggi si occupa dei vari problemi della frazione e che ci ha ceduto il testimone su questo tema.

È dal 2008, da quello spirito e da quell’atto che bisogna ripartire. Non sappiamo se la mozione di oggi riscuoterà un così largo consenso (ovviamente riguarda l’appoggio di un singolo partito), ma siamo sicuri che il Consiglio ancora una volta saprà mostrare il suo favore verso un’impresa così difficile ma così fondamentale per il futuro del nostro territorio (dobbiamo ricordare le parole turismo, economia, posti-di-lavoro?).

Soprattutto, ci auguriamo che il Consiglio Comunale e i consiglieri sappiano fare da pungolo e da attenti vigilanti nei confronti dell’amministrazione. Cosa che non accadde nel 2008, quando il progetto scivolò lentamente nel silenzio, nell’indifferenza di quasi tutti i consiglieri che l’avevano votato (quasi). La nostra presenza, stasera, come uditori in Consiglio, dovrà servire a ricordare anche ai consiglieri l’importanza del loro ruolo in questa vicenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.